Islanda: consigli pratici

Un viaggio in Islanda non è semplice e soprattutto non è economico. È un viaggio che deve essere studiato e pianificato mesi e mesi prima soprattutto se andate nei mesi estivi. L’isola infatti viene presa d’assalto dai turisti e le strutture ricettive sono davvero poche.

Inoltre, a meno che abbiate a disposizione almeno 2 settimane, è un viaggio anche impegnativo, sveglia presto tutte le mattine e difficilmente si rimane nello stesso posto per più di una notte.

Durante la pianificazione di questo viaggio ho spulciato ogni tipo di sito internet, di blog e chiesto ad amici che c’erano già stati. In qualche modo sono riuscita a cavarmela nel marasma di informazioni e capire che tappe fare (non senza qualche errore), cosa vedere, dove dormire, dove mangiare etc etc..

Ecco qui quindi qualche consiglio pratico, che spero possa esservi utile per un viaggio in Islanda.

 

Quando andare?

L’Islanda è una terra magica in ogni periodo dell’anno. In inverno si possono vedere le aurore boreali mentre in estate, le giornate di luce sono lunghissime. Noi abbiamo scelto di andarci in Agosto, per viverci quest’avventura con le temperature più miti e più ore di luce possibile).

Da Giugno ad Agosto

Come dicevo appunto le temperature sono più miti e le giornate più lunghe, ma tenete presente che è considerata alta stagione, i prezzi sono più alti e prenotare gli alloggi è indispensabile mesi prima.

i viaggi della patta-Islanda-the garage

Maggio e Settembre

Meno ressa e prezzi più bassi

Da Ottobre ad Aprile

Lunghe notti duranti le quali è facilmente visibile l’aurora boreale. Occorre comunque una buona dose di fortuna per vederla, cielo terso e buio.


Quanti giorni fare?

Per fare il giro dell’isola senza tappe ci vogliono circa 16 ore. Un giro di una settimana vi vedrà al volante una media di circa due ore e mezza al giorno.

Per molti può sembrare eccessivo, ma calcolate che se andrete d’estate, c’è luce fino a tardi e la guida non è per nulla impegnativa.

Io da pazza scatenata quale sono, anzi, io e il mio compagno da pazzi scatenati quali siamo, abbiamo girato l’isola in 8 giorni, tralasciando purtroppo la penisola di  Snæfellsnes. Questo è stato un grave errore che ovviamente vi consiglio di non ripetere.

i viaggi della patta-Islanda-itinerario

È stato un viaggio stancante, tempi abbastanza serrati, chilometri da percorrere e tappe giornaliere ben definite da raggiungere. Quindi se potete dedicate a questa meravigliosa isola almeno 10 giorni per apprezzare al meglio l’itinerario, oppure se siete pazzi come noi, leggete il nostro itinerario qui.


Come arrivare?

i viaggi della patta-Islanda- come arrivareOvviamente via aereo, la compagnia di bandiera è la Iceland Air e effettua voli diretti da Milano, Bologna e Roma a Reykjavík. In alternativa c’è la WoW Air, la compagnia low cost (non aspettatevi cifre da Ryanair), anche lei come Iceland Air effettua voli diretti da Milano, oppure, la Norwegian ha da poco inserito la tratta Roma-Reykjavík.

Potete comunque provare con voli con scali, noi ad esempio abbiamo scelto un volo con scalo a Bruxelles operato da Brussel Airlines e Bruxelles-Reykjavík con Icelandair, per il ritorno invece abbiamo scelto un diretto Milano-Reykjavík con Wow air.


Itinerario

L’Islanda ha una strada chiamata in diversi modi Ring road o Strada numero 1 ma il suo vero nome è Hringvegur. E’ un  anello che segue tutto il suo perimetro e che attraversa alcune delle zone più spettacolari dell’isola ed è lunga quasi 1500 km .

Non importa in che direzione si imbocchi la Hringvegur: il paesaggio è sempre e comunque spettacolare. Noi abbiamo optato per un giro in senso antiorario trovando appunto tutto meraviglioso, e non so consigliare cosa sia meglio fare.

Sicuramente facendolo orario e usando come guida la Lonely Planet non dovete saltare da un capitolo all’altro e le località sono indicate nell’ordine corretto!

i viaggi della patta-Islanda-itinerario

Noi abbiamo lasciato Reykjavik come ultima tappa, con il senno di poi, credo che inserirei la visita della città come prima cosa. Per vedere tutte le tappe del viaggio, clicca qui.


Come muoversi?

Il mezzo ideale per muoversi in autonomia in Islanda e senza dubbio l’auto. Il noleggio è molto costoso e i prezzi sono superiori alla media Europea. Noi, essendo estate, e avendo previsto di percorrere le strade principali (la Hringvegur solo per piccolissimi tratti non è asfaltata), abbiamo scelto una normale utilitaria e non un 4×4.
Questo ci ha permesso di risparmiare.

i viaggi della patta-Islanda-come muoversi

In inverno una 2×2 non è comunque consigliabile e visto che i prezzi sono più bassi rispetto all’alta stagione estiva, vale la pena prendere una 4×4.

Anche se costosa, è meglio optare per una buona e completa copertura assicurativa, l’Islanda è una terra in cui la natura ha ancora il sopravvento! Ad esempio, il vento può essere davvero fortissimo (noi abbiamo trovato giornate con vento a 100 km/h), tant’è che la prima raccomandazione fatta dal noleggio auto è stata quella di tenere sempre salde in mano le portiere al momento dell’apertura, il vento potrebbe farle girare completamente e vi posso assicurare che il rischio è reale.

Qui vi segnalo il sito del noleggio auto da noi scelto https://www.icelandcarrental.is/

Altro consiglio importantissimo è quello di controllate sempre il sito http://www.safetravel.is , Safe Travel è aggiornato in tempo reale e vengono segnalate strade chiuse, allerte meteo e pericoli di varia natura.

i viaggi della patta-Islanda-safetravel

Altri siti raccomandati da consultare prima degli spostamenti sono

L’Islanda può essere anche visitata in autobus, se si ha in programma di vedere solo i luoghi che sono sulla Ring Road www.straeto.is. Ma ovviamente, la libertà vera si ha solo con un mezzo proprio, inoltre va calcolato che per il giro dell’isola s’impiega il doppio del tempo.


Come pagare?

Noi abbiamo scelto di non cambiare denaro in valuta Islandese e di pagare tutto con carta di credito e ci siamo trovati benissimo.

Con la carta potete pagare tutto e soprattutto pagare le toilette! Nel nostro tour infatti abbiamo trovato diversi bagni pubblici accessibili solo a pagamento e dotati di pos, gli Islandesi sono avanti anni luce!


Dove dormire?

L’Islanda ha davvero poche strutture ricettive rispetto alla mole di turisti che negli ultimi anni si sta riversando sull’isola, e il riuscire a muoversi per tempo nelle prenotazioni permette di avere più possibilità di scelta con prezzi non esageratamente alti.

Si può scegliere, tra hotel, guesthouse e appartamenti con bagni privati o in comune, oppure per i più temerari c’è sempre l’opzione tenda.

Alcune guesthouse che ci hanno ospitato

Se scegliete la tenda, ricordatevi di informarvi sulle aree di sosta predisposte, dal 2015 infatti è entrata in vigore una nuova legge sul campeggio, info utili le trovate qui www.ust.is

Noi abbiamo prenotato tutto 7 mesi prima della partenza tramite Booking, scegliendo sempre e solo appartamenti con bagno privato e cucina attrezzata, in modo da poter cenare a casa e risparmiare. Altro vantaggio della prenotazione con Booking, è la possibilità di prenotare con cancellazione gratuita entro pochi giorni dalla data scelta. Questa flessibilità è utile in caso di successive variazioni all’itinerario o anche solo troviate un alloggio meno costoso.

Se volete sapere quali sono le strutture che abbiamo scelto per il nostro viaggio in Islanda, cliccate qui.

 


Come vestirsi?

Se viaggiate d’estate come noi, portatevi maglie pesanti, pile, t-shirt, cappello, guanti e giacca abbastanza pesante ma soprattutto quello che di più comodo avete.

Partire con poche cose e mirate è essenziale in un viaggio itinerante, soprattutto se non dormirete mai nello stesso posto per più di una notte! Durante il nostro viaggio abbiamo trovato giornate di sole (pochissime) con 15 gradi e giornate di freddo e pioggia con 5-6 gradi, quindi il classico metodo “vestirsi a cipolla” è miglior consiglio che vi posso dare.

Vi consiglio inoltre una giacca e dei pantaloni impermeabili, sono fondamentali in caso di pioggia e per avvicinarsi alle cascate. Se non li avessimo avuti, dopo aver percorso il sentiero dietro la cascata Seljalandsfoss, ne saremmo usciti fradici! Sono anche un ottimo riparo dal vento fortissimo.

i viaggi della patta-Islanda-come vestirsi

Da Decathlon trovate degli ottimi capi a prezzi ottimi!

Altra cosa importantissima non dimenticate costume da bagno, infradito e asciugamano sia se vogliate fare un giro alle terme e sia se lungo il tragitto vi vorrete fermare in uno dei tanti hot pot.


Dove mangiare?

L’Islanda si sa, è molto cara, e anche il cibo comunque non ne è escluso. Pranzare e cenare fuori potrebbero far alzare notevolmente il costo del viaggio.

i viaggi della patta-Islanda-the garage cena

Quindi se volete risparmiare un po’ di soldini vi consiglio di scegliere alloggi che vi permettano di cucinare e quindi di cenare/far colazione a casa. Potete partire con in valigia già alcuni viveri (come abbiamo fatto noi) o scegliere di acquistare tutto in un supermercato in loco.

Qui vi metto link del sito delle Farnesina con le restrizioni di importazione http://www.viaggiaresicuri.it/paesi/dettaglio/islanda.html

La catena dei supermercati Bonus è low cost ed è facilmente riconoscibile dall’insegna con il porcellino rosa. Ne trovate alcuni lungo la statale principale ad Akureyri, Borgarnes, Egilsstaðir, Hveragerði, qui trovate l’elenco completo https://bonus.is/en/find-stores/

i viaggi della patta-Islanda-bonus

Fate attenzione perché in alcune zone non troverete supermercati, quindi siate certi di aver sempre con voi una scorta adeguata per non rischiare di rimanere senza cibo.

Per il pranzo invece potete fermarvi nei ristoranti, cafè, nelle stazioni di servizio o nei piccoli shop con cucina. Noi abbiamo fatto scorpacciate di Lamb soup, le zuppe di agnello, sempre buone, calde, sostanziose e abbastanza economiche.

i viaggi della patta-Islanda-lamb soup

Per darvi un’idea di spesa vi dico che il primo giorno al self-service delle cascate Gulfoss, 2 zuppe, 2 bagel al salmone e 2 the caldi ci sono costati la modica cifra di 55 euro.

Altro consiglio importante è quello di non acquistare acqua.  l’Islanda ha l’acqua più buona del pianeta, quindi comprate una bottiglia e poi continuate a riempirla con l’acqua del rubinetto, fresca e appunto buonissima.

 


Terme, quali scegliere?

IMG_0663

Le terme Blue Lagoon sono le più belle e famose ma anche le più care ed affollate, l’ingresso costa ben 9900 ISK. Se volete spendere meno e il vostro viaggio prevede di passare da Husavik potete optare per il Mývatn Nature Baths, dopo la Blue Lagoon è il centro termale più popolare di Islanda, è meno costoso 5000 ISK e soprattutto meno affollato. Se volete spendere ancora meno, ma avere comunque un minimo di servizio, spogliatoio, armadietti etc.. potete scegliere la Secret Lagoon, 2800 ISK, meno bella rispetto alle sopra citate ma comunque suggestiva.

In alternativa, se proprio volete spendere nulla e volete immergervi nella natura provando un’esperienza unica, avete un’ampia scelta di pozze naturali sparse su tutto il territorio. https://hotpoticeland.com/category/hotpots

Ovviamente scordatevi i servizi, qui la parola d’ordine è natura.

Noi abbiamo scelto di immergerci nel Reykjadalur Hot Spring Thermal River a Hveragerði, un’esperienza estrema ma davvero unica.


Escursioni

Ce ne sono diverse da fare, la visita al vulcano Hekla o al ghiacciaio Vatnajokull nel parco Parco nazionale Skaftafell. Noi ne abbiamo fatte solo 2, la visita in gommone della laguna Jökulsárlón e l’avvistamento balene a Húsavík.

Per la visita della laguna Jökulsárlón abbiamo prenotato un tour di un’ora in gommone con Ice Lagoon Zodiac Boat Tours al costo di 9,800 ISK a testa

i viaggi della patta-Islanda-tour gommone

Mentre per il tour di avvistamento balene abbiamo scelto l’agenzia North Sailing. E’ possibile scegliere diversi tour, con diverse barche, dalla goletta d’epoca alla barca a “emissioni zero” e cioè alimentata con energie rinnovabili invece di combustibili fossili. Noi abbiamo optato per l’Húsavík Original Whale Watching, 3 ore, al costo di ISK 18,900 in due.

i viaggi della patta-Islanda-tour balene

Abbiamo prenotato tutto via internet mesi prima.


Quanto costa?

Come ripetuto più volte un viaggio in Islanda non è economico, pur non essendo dall’altra parte del mondo.

Con qualche accorgimento però è possibile risparmiare:

  • noleggiare un’auto utilitaria
  • scegliere sempre alloggi con uso cucina dove poter cucinare la sera e preparare la colazione la mattina.
  • Scegliere alloggi con bagno in comune, (noi ad esempio non lo abbiamo fatto)
  • Prenotare gli alloggi con molto anticipo

 

Pubblicato da

“Non dovremmo negare che l’essere nomadi ci ha sempre riempiti di gioia. Nella nostra mente viene associato alla fuga da storia, oppressione, legge e noiose coercizioni, alla liberà assoluta, e la strada porta sempre a Ovest” (Christopher McCandless) Amo questa frase, amo essere nomade e viaggiare per il mondo, le mie strade portano ovunque mi spinga la mia curiosità e la mia voglia di vedere, fotografare, scoprire ed emozionarmi, ovest, est, nord o sud che sia. Niente più di un biglietto aereo e una cartina in mano mi da questa sensazione di totale libertà, viaggerei sempre e ovunque, il mondo è così grande che non c’è un posto dove non andrei. Adoro portare per le strade del mondo questa ragazza curiosa, sognatrice, insicura, indipendente, ironica, timida, pasticciona, ansiosa, solare, testarda, fifona, buona, amicona, non convenzionale e che si descrive in terza persona! In questo blog vi voglio raccontare i miei viaggi, le mie emozioni… la mia libertà!

Una risposta a "Islanda: consigli pratici"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...