Islanda: Reykjavík, la Blue Lagoon e rientro in Italia

Ultimo giorno nella bellissima Islanda, piccolo giro per Reykjavík, una visita alla Blue Lagoon e rientro in Italia

 


La mattina dell’ultimo giorno la dedichiamo a una piccola passeggiata per Reykjavík per poi dirigerci verso l’aeroporto per il rientro, ma prima facciamo una piccola tappa alla Blue Lagoon.


 

Ultimo giorno del nostro bellissimo viaggio, piccolo giretto per la città e poi ci spostiamo verso la Blue Lagoon. Il paesaggio che circonda le terme è davvero sensazionale: piccoli laghetti bianchi azzurri e terra nera creano un paesaggio mozzafiato.

i viaggi della patta-Islanda-blue lagoon
I dintorni della Blue Lagoon

 

Entriamo alle terme e ci spingiamo fino alla biglietteria e alla zona bar, da qui infatti potete dare un’occhiata anche alle terme al loro interno. Inutile dire che è un luogo molto affascinante ma anche un posto super affollato, c’è chi scatta selfie e chi beve, oltre ad essere costoso.

I dintorni della Blue Lagoon
La Blue Lagoon

Ad oggi, non ho il rimpianto di non esserci entrata. Abbiamo preferito molto di più immergerci nel Reykjadalur Hot Spring Thermal River durante il nostro primo giorno di viaggio. Sentirsi così a contatto con la natura non ha prezzo e in questo caso non lo ha davvero visto che è stato totalmente gratuito.


 

Si conclude così il nostro viaggio in Islanda. 8 giorni vissuti a pieno, sfruttando ogni momento per scoprire, ammirare e meravigliarsi. Per alcuni saranno pochi, a me invece sono bastati per farmi innamorare di questa terra e per far nascere il desiderio di tornare, per rivedere di nuovo quei posti, e per vedere ciò che purtroppo non ho visto.

Mi porto a casa la sensazione di aver vissuto una delle esperienze più belle ed emozionanti della mia vita.

L’Islanda è uno dei posti più affascinanti del mondo. È una concentrazione di ogni cosa bella della natura: cascate, fiumi, geyser, laghi, crateri, ghiacciai, canyon, montagne, oceano, spiagge nere, balene, foche e puffins. In Islanda la natura è ancora forte e potente e ti ricorda che sei un puntino minuscolo e fragile in mezzo al mondo. L’Islanda è una terra di ghiaccio ma che ti scalda il cuore, dove basta una zuppa calda a farti ripartire carico per una nuova scoperta. È un “mamma ma che freddo” seguito da un “oddio va che meraviglia!”. L’Islanda è case calde pronte ad accoglierti con coperte che profumano di ammorbidente. Sono persone gentili e oneste. L’Islanda è soprattutto un desiderio. Un desiderio che si è realizzato e per il quale esserne semplicemente grati.


Pubblicato da

“Non dovremmo negare che l’essere nomadi ci ha sempre riempiti di gioia. Nella nostra mente viene associato alla fuga da storia, oppressione, legge e noiose coercizioni, alla liberà assoluta, e la strada porta sempre a Ovest” (Christopher McCandless) Amo questa frase, amo essere nomade e viaggiare per il mondo, le mie strade portano ovunque mi spinga la mia curiosità e la mia voglia di vedere, fotografare, scoprire ed emozionarmi, ovest, est, nord o sud che sia. Niente più di un biglietto aereo e una cartina in mano mi da questa sensazione di totale libertà, viaggerei sempre e ovunque, il mondo è così grande che non c’è un posto dove non andrei. Adoro portare per le strade del mondo questa ragazza curiosa, sognatrice, insicura, indipendente, ironica, timida, pasticciona, ansiosa, solare, testarda, fifona, buona, amicona, non convenzionale e che si descrive in terza persona! In questo blog vi voglio raccontare i miei viaggi, le mie emozioni… la mia libertà!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...