Islanda sud e sud orientale

La terza tappa del nostro viaggio in Islanda prevede di visitare la zona sud con le famose spiagge nere e il faro di Dyrhólaey, fino ad arrivare a Jökulsárlón la famosa laguna di iceberg.

 


Dopo aver visitato il primo giorno il Circolo d’oro la cascata di Seljalandsfoss e di Skogafoss  proseguiamo il nostro giro dell’Islanda continuando a percorrere la Ring Road in senso antiorario.


 

Il terzo giorno inizia molto presto, dobbiamo vedere tantissime cose e i chilometri da fare sono tanti. È importante segnalare che tra Vik e Höfn non esiste praticamente nessun paese dove pernottare, quindi una tappa così lunga è purtroppo obbligata. Per avvicinarvi però, a differenza nostra, potreste pernottare a Vik.

Prima di partire torniamo a Skogafoss per approfittare dell’ora e scattare delle foto senza turisti. Se potete fatelo anche voi, si respira una pace difficilmente descrivibile!

i viaggi della patta-Islanda-skogafoss 2
Io e Skogafoss

Oggi purtroppo ci fa compagnia la pioggia e un vento fortissimo. Controlliamo il sito Safetravel.is e scopriamo la presenza di un avviso per venti forti fino a 100 k/h lungo la costa sud.

Prima tappa della nostra giornata Kirkjufjara Beach.

Avendo solo pochi giorni a disposizione è impossibile fare tutto. Saltiamo infatti a malincuore il famoso e super fotografato relitto dell’aereo US Navy sulla spiaggia di Sólheimasandur. Qui, nel 1973 un aereo della US Navy fu costretto ad un atterraggio di emergenza,  l’equipaggio sopravvisse all’impatto e riuscì a mettersi in salvo, ma l’aereo venne abbandonato sul posto. Il relitto si trova in mezzo al nulla, raggiungerlo infatti richiede circa due ore di cammino o una ventina di minuti con una 4×4. che noi purtroppo non abbiamo.

i viaggi della patta-Islanda-solheimasandur

Arriviamo a Kirkjufjara Beach, il vento è davvero fortissimo, in alcuni punti abbiamo la sensazione che ci butti a terra, la camminata in alcuni punti è davvero difficile. Davanti a noi però troviamo un paesaggio fantastico, spiaggia nera bagnata dal mare con un piccolo monolite nero che silenzioso osserva tanta bellezza.

i viaggi della patta-Islanda-Kirkjufjara Beach

Sopra le nostre teste decine e decine di puffins volano ad una velocità pazzesca tuffandosi in mare e pescando pesce. Fotografarli è quasi impossibile!

i viaggi della patta-Islanda-Kirkjufjara Beach puffins
Kirkjufjara Beach

Qui trovate anche delle toilette ovviamente a pagamento. Decidiamo poi di salire sul promontorio di Dyrhólaey, la strada è indicata per una 4×4, ma non vedendola particolarmente difficoltosa, la percorriamo con estrema cautela. Raggiungiamo la cima abbastanza facilmente, qui, se possibile il vento è ancora più forte.

Dyrhólaey è un promontorio roccioso con un enorme arco in pietra, sotto di noi si estende una spiaggia nera lunghissima sferzata dall’oceano. Il vento forte ci fa desistere dal continuare fino alla punta del promontorio per fotografare l’arco, ci accontentiamo della lunghissima e bellissima spiaggia nera e torniamo alla nostra auto.

i viaggi della patta-Islanda-Dyrhólaey
La spiggia nera da promontorio di Dyrhólaey

i viaggi della patta-Islanda-Dyrhólaey 2

Arriviamo a Reynisfjara Beach sotto una fitta pioggia, qui ci sono decisamente molti più turisti rispetto alla precedente. Reynisfjara è una spiaggia nera orlata da delle scenografiche colonne basaltiche che ricordano l’organo di una chiesa e da due faraglioni in mezzo all’oceano. L’accesso alla spiaggia è contorniato di cartelli di pericolo che avvisano di non avvicinarsi all’oceano, onde anomale potrebbero risucchiati e ciao ciao… quindi fate attenzione!

i viaggi della patta-Islanda-Reynisfjara Beach

i viaggi della patta-Islanda-Reynisfjara Beach 2
Due sposini cinesi a Reynisfjara Beach

Un the caldo al baracchino e siamo pronti per la prossima tappa: Fjaðrárgljúfur Canyon.

Passiamo Vik e continuiamo sulla Hringvegur, attraversando immensi ed infiniti campi di lava ricoperti di muschio, il paesaggio è spettacolare!

i viaggi della patta-Islanda-campi lava
I campi di lava lungo la Hringvegur

Poco prima però di arrivare, troviamo la strada chiusa con una deviazione obbligata che ci fa perdere quasi un’ora di tempo. Controlliamo immediatamente il sito Safetravel e scopriamo che la strada è chiusa per diversi chilometri a causa di un’inondazione del fiume Skaftá, causata dall’eruzione di un vulcano sotto la calotta glaciale. Causa di forza maggiore saltiamo quindi il Fjaðrárgljúfur Canyon.

Riprendiamo la Hringvegur e ci avviciniamo al Parco nazionale Skaftafell. Il paesaggio intorno a noi è meraviglioso, un’emozione unica e difficilmente descrivibile!

i viaggi della patta-Islanda-Skaftafell
La lingua del ghiacciaio vista dalla Hringvegur

Purtroppo nella stesura di questo viaggio ho sottovalutato l’importanza della visita al Parco nazionale Skaftafell, con il senno di poi avrei aggiunto una notte in più per dedicare una giornata alla visita di questo parco e ad un’escursione vicino al ghiacciaio, quindi se potete segnatevi questo consiglio.

Lasciamo il parco alla nostra sinistra ma anche dalla strada il panorama è qualcosa di meraviglioso, lingue di ghiaccio che scendono dalle montagne frastagliate fino a raggiungere ampi delta sabbiosi.

i viaggi della patta-Islanda-Skaftafell 2
La lingua del ghiacciaio vista dalla Hringvegur

Sulla strada che porta alla laguna Jökulsárlón vi consiglio di fare una piccola deviazione per Hof (attenzione non Höfn). Qui si trova una fantastica chiesetta con il tetto ricoperto di erba. Da non perdere!

i viaggi della patta-Islanda-Hof
La chiesetta di Hof

Arriviamo in prossimità di Jökulsárlón e ce ne accorgiamo dalle punte degli Iceberg che intravediamo dalla strada. Che emozione! Nella laguna “fluttuano” tanti iceberg o meglio meravigliose  sculture di ghiaccio, bianche, azzurre o striate di nero a cause delle ceneri delle eruzioni vulcaniche.

i viaggi della patta-Islanda-Jökulsárlón 2
La laguna di Jökulsárlón

i viaggi della patta-Islanda-Jökulsárlón

 

Gli iceberg si staccano da una diramazione del ghiacciaio Vatnajökull e piano piano si spostano verso l’oceano. Possono rimanere nella laguna fino a 5 anni, dopo di che imboccano il fiume che li conduce al mare. Qui alcuni sciogliendosi, lasciano sulla spiaggia nera dei bellissimi “diamanti” di ghiaccio, la spiaggia infatti viene chiamata Diamond Beach.

Per la visita della laguna abbiamo prenotato un tour di un’ora in gommone con Ice Lagoon Zodiac Boat Tours. Ci danno delle tutone calde ci caricano sopra un gommone e la guida ci porta su e giù per la laguna, avvicinandosi agli iceberg, spiegandoci e raccontandoci curiosità legate al posto. Un’esperienza fantastica!

i viaggi della patta-Islanda-Jökulsárlón 7
Gli iceberg nella laguna di Jökulsárlón

Purtroppo la laguna, a causa del surriscaldamento terreste, ogni anno diventa sempre più ampia e il ghiacciaio arretra sempre di più. La guida infatti ci spiega che fino a 85 anni fa, la laguna non esisteva… questa cosa oltre a far riflettere mi spaventa davvero tantissimo. 

Un’ora vola in fretta, tornati in abiti civili la fame si fa sentire più che mai. Purtroppo i baracchini di fish and chip all’interno del parcheggio hanno già chiuso, non ci resta che dirigerci verso Hofn dove dormiremo.

Prima però di raggiungere l’appartamento, passiamo dal porto e ci fermiamo a mangiare una baguette agli scampi e bere una birra da Hafnarbuðin. Si tratta di una minuscola tavola calda molto alla buona, ma ve la straconsiglio!

i viaggi della patta-Islanda-scampi
La baguette di scampi da Hafnarbuðin

Per la nostra terza notte abbiamo infatti scelto l’Ártún Apartment appena fuori Höfn. Un’appartamento accogliente e dotato di tutti i comfort!

Per l’elenco e le recensioni delle guesthouse che ci hanno ospitato in questo meraviglioso viaggio, clicca qui.

Questa tappa è stata davvero intensa ma infinitamente bella. Domani ci sposteremo lungo i Fiordi Orientali.


Pubblicato da

“Non dovremmo negare che l’essere nomadi ci ha sempre riempiti di gioia. Nella nostra mente viene associato alla fuga da storia, oppressione, legge e noiose coercizioni, alla liberà assoluta, e la strada porta sempre a Ovest” (Christopher McCandless) Amo questa frase, amo essere nomade e viaggiare per il mondo, le mie strade portano ovunque mi spinga la mia curiosità e la mia voglia di vedere, fotografare, scoprire ed emozionarmi, ovest, est, nord o sud che sia. Niente più di un biglietto aereo e una cartina in mano mi da questa sensazione di totale libertà, viaggerei sempre e ovunque, il mondo è così grande che non c’è un posto dove non andrei. Adoro portare per le strade del mondo questa ragazza curiosa, sognatrice, insicura, indipendente, ironica, timida, pasticciona, ansiosa, solare, testarda, fifona, buona, amicona, non convenzionale e che si descrive in terza persona! In questo blog vi voglio raccontare i miei viaggi, le mie emozioni… la mia libertà!

Una risposta a "Islanda sud e sud orientale"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...